“Quando nasce un bambino, nasce anche una mamma” quante volte abbiamo sentito questa frase? 

Eppure si continua a prendersi cura solo di quel bambino appena nato. Si portano doni al nascituro, ci si chiede come sta, se mangia, se cresce, se si è adattato bene al suo nuovo mondo. La società ci insegna a prenderci cura di lui, perché indifeso, perché “nuovo” e poco della mamma. Quando una donna diventa madre pochi prestano attenzione a questa trasformazione. Le mamme stesse si mettono in secondo piano a favore di quella vita che le prende tutto lo spazio, tutto il tempo, tutto l’amore. Ma non mancano la sensazione di “disagio”, ci si sente inadatte, in difficoltà, spesso malinconiche. 

Gli ormoni sfavoriscono l’umore della neomamma 

Dopo il parto c’è una notevole quantità di ormoni (sempre loro!) a sfavore dell’umore delle neomamme. C’è una riduzione di estrogeni e progesterone. Gli ormoni femminili che in gravidanza raggiungono livelli molto alti e si verifica un aumento dei livelli di prolattina. Recenti studi, invece, hanno scoperto che ad influenzare le mamme può essere anche la tiroidite post parto. Una forma di infiammazione autoimmune della tiroide che può colpire anche un caso su dieci delle neomamme.

futura-mamma-gravidanza
Gli ormoni sfavoriscono l’umore della neo mamma

Cambiamenti di una futura mamma

La maternità oltre a portare con se cambiamenti fisici è per la vita di una donna un cambiamento importante. Spesso viene dato per scontato o liquidato da frasi come “lo abbiamo fatto tutte”. Questo fa scattare nella neo mamma una negazione al sentimento di inadeguatezza provato. Non facendolo mai presente, fingendo spesso una serenità mancata. Il consiglio dato in questi casi non è mai quello di chiudersi ma di affrontare il cambiamento. Accettare di essere spesso stanche, di non comprendere talvolta i bisogni del proprio bambino. Ammettere con serenità di essere in difficoltà. Perché è una difficoltà giusta, una difficoltà sensata. Lo hanno fatto tutte, già, e tutte le donne hanno provato difficoltà. Non si nasce madri e così come quel neonato deve trovare il suo spazio in questo mondo così la donna che lo ha partorito trova il modo per essere sua madre.

neo-mamma-pregnant
La maternità oltre a portare con se cambiamenti fisici è per la vita di una donna un cambiamento importante

La cura per le mamme è il villaggio

Un proverbio africano dice “ci vuole un villaggio per crescere un bambino” ma forse in realtà ci vuole un villaggio per crescere una madre. Nei giorni successivi al parto non è il bambino ad avere bisogno di noi, lui ha la sua mamma che è predisposta per soddisfare tutti i suoi bisogni, ma la nostra partner, amica, collega, sorella, nipote, figlia che è diventata madre. Il villaggio siamo noi che ci prendiamo cura di lei, aiutandola in casa, portandole un piatto pronto, un fiore, una chiacchiera, un sorriso per dirle “ce la stai facendo”. Non servono giudizi o consigli non richiesti ma sostegno. Sostienila durante l’allattamento, un momento difficile per ogni mamma dove il supporto di chi le sta accanto gioca un ruolo fondamentale. Sostienila nelle sue scelte, facendola sentire sicura a tal punto magari di sbagliare, errori spesso necessari per ogni donna nel trovare la strada giusta.

mom-pregnant
Un proverbio africano dice “ci vuole un villaggio per crescere un bambino” ma forse ci vuole un villaggio per crescere una mamma.

“Non è possibile essere una madre perfetta. Ma ci sono milioni di modi per essere una buona madre…” (Jill Churchill)

 

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy PolicyCookie Policy

Family Zone © 2019. Tutti i diritti sono riservati. Powered by ENKEY