Spread the love

Oggi piccolo contenuto a tema psicologico (a tratti burocratico ed organizzativo), ovvero come gestire l’inserimento nido dei nostri cuccioli che per la prima volta lasciano la mamma e vengono accolti in un luogo che non è familiare. Consigli e idee su come affrontare questo periodo al meglio.

Inserimento al nido: nessun trauma per i piccoli

Anzitutto vogliamo ricordarvi una cosa care mamme: l’inserimento al nido non vuol dire che state abbandonando i vostri bimbi, vuol dire che il vostro bimbo cresce ed impara a vivere come entità divisa e diversa dalla mamma.

inserimento nido luogo sicuro
Ricordate mamme: il nido è un luogo sicuro in cui i vostri figli impareranno cose nuove. Affrontate l’inserimento nido senza traumi.

Il bambino con il nido ha l’opportunità di interagire per la prima volta con i suoi pari e con degli spazi che non gli sono familiari, ma che in pochissimo tempo diventeranno parte della sua vita.

Insomma, niente traumi, state tranquille e tutto andrà per il verso giusto. Lasciatevi guidare dalle mani esperte delle educatrici e vedrete che in poco tempo tutti troverete l’equilibrio giusto

Distacco e ansia da separazione

Ovviamente l’età del bambino influisce molto sulla questione del distacco e dell’ansia da separazione. Se l’inserimento lo si fa presto, intorno ai 7/8 mesi di vita, il distacco dalla madre sarà minore perché il bambino impara a fidarsi di un estraneo prima ancora che entri in gioco il fattore ansia.

inserimento nido ansia da separazione
Molti nell’inserire il bimbo al nido temono l’ansia da separazione.

Dopo l’anno è più difficile, ma ovviamente non impossibile. L’importante è essere consapevoli e decisi: i bambini sentono e somatizzano molto le ansie dei genitori, se la mamma è preoccupata o vive lei stessa l’ansia da distacco dal piccolo, ovvio che l’inserimento nido sarà più complicato.

Come fare un inserimento nido sereno?

Punto primo: preparate il bambino al cambiamento. L’inserimento nido lo sconvolgerà del tutto, soprattutto nelle sue abitudini.

Visto che dall’iscrizione al momento dell’inserimento passerà del tempo, potete passare del tempo con il vostro piccolo coinvolgendolo nella preparazione delle cose che porterà con sè all’asilo, o ancora parlandogliene positivamente molto spesso.

Nei mesi precedenti all’arrivo della data X potreste ad esempio iniziare a seguire gli orari che seguirà una volta inserito. Esempio: ore 8,30 arrivo, ore 9,30 biscotto seduti, ore 10,30 pisolino (se ancora lo fa), ore 12 pranzo.

inserimento nido routine gioco
Create un’idea positiva del nido, ma soprattutto seguite quanto più possibile una routine simile a quella dell’asilo nei mesi precedenti all’inserimento.

Nei momenti che sono di gioco, uscite, ma proponete anche giochi sul tappeto come farebbero all’asilo le educatrici e spiegate al bimbo che quello che state facendo lo farà anche all’asilo, ma con gli altri bimbi.

Insomma, create un’idea positiva della socializzazione e della struttura. Iniziate a parlare loro delle maestre e raccontategli anche tutte le cose belle che farete quando li andrete a prendere all’asilo.

Create una routine

Lo abbiamo detto: comportatevi come in una normale giornata di asilo. La cosa più importante di questo aspetto è creare una routine per permettere al bimbo di abituarsi meglio e più velocemente a quella che seguirà con l’inserimento nido.
A questa routine, createne una ad hoc che scandirà la partenza da casa verso l’asilo e viceversa che indicherà al bambino che lo siete venuti a prendere e lo riportare a casa.
Un esempio? Ogni mattina dite al piccolo: “Si va all’asilo, salutiamo le tue macchinine prima di andare”. Lui capirà che quello è il segnale di allontanamento da casa. Quando invece lo andrete a prendere potreste dirgli: “Com’è andata oggi? Ti sei divertito? Sai che a casa le tue macchinine ti aspettano?”. Quello sarà il segnale che state tornando a casa.

Inserimento nido… non troppo emotivo

Un’altra cosa importante è lasciarlo con il sorriso, anche quando piange e vi butta le braccia per restare con voi. Lo sappiamo che è difficile, ma meno emotivi sarete quando lo lasciate, più il bimbo capirà che vi fidate delle persone con cui lo lasciate.
Se ogni volta, al di là della sua reazione, sorriderete alle educatrici e vi stupirete positivamente degli spazi in cui portate il bimbo, in poco tempo lui imparerà ad amare le tate e l’asilo stesso, fino a che non vi saluterà felice con la manina.

Ultima cosa: portatelo al parco giochi

Più si abituerà a socializzare prima dell’arrivo in asilo e meglio sarà per lui. L’inserimento nido è fatto anche dei primi scontri con i propri pari.
Se il bimbo è abituato ad andare al parco, dove incontra bimbi più grandi, spesso poco gentili, e bimbi della stessa età con cui può interagire quando arriverà all’asilo sarà meglio in grado di gestire gli spazi con gli altri bambini.

Spread the love

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy PolicyCookie Policy

Family Zone © 2023. Tutti i diritti sono riservati. Powered by ENKEY