Chi è mamma lo sa, è sempre più difficile trovare del tempo per  dopo la nascita di un figlio. All’inizio appare impossibile, le richieste continue dei neonati non permettono distrazioni. I ritmi serrati dell’allattamento, scandiscono la giornata in modo serrato: ogni tre ore c’è la pappa! Successivamente la mamma rimane un punto di riferimento forte per il bambino, tanto che spesso è impossibile anche solo andare in bagno in solitaria.

Qualche spiraglio di luce si può intravedere con l’introduzione del bambino al nido o alla scuola materna. Ma comunque quando si è insieme è difficile poter fare qualcosa senza essere seguiti dai propri piccoli. Spesso una madre sacrifica il proprio tempo perché da priorità alla prole, ma questo non è sempre la scelta migliore.

Ci sono infatti due aspetti da considerare, il primo riguarda il bambino che rimane più dipendente dalla madre, e il secondo è per la madre che alla lunga potrebbe risentirne. Si perché non prendersi mai una pausa, non dedicare mai del tempo per sé può compromettere la propria felicità e il rapporto con i propri figli.

Trovare del tempo per sé

Si rivela quindi fondamentale trovarsi degli spazi, imporre i propri diritti, anche solo per farsi la doccia da sola cantando a squarciagola. Un obiettivo fattibile se si è determinate, diventa più facile se si riesce a coinvolgere il resto della famiglia.

Quindi via libera alla serata tra amiche, al pomeriggio alle terme, o anche ad un semplice libro letto al parco senza l’ansia di dover rincorrere il proprio figlio o controllare che non si faccia male ogni cinque minuti.

Del tempo per sé
Ritrovare il tempo per sé

Potrete praticare uno sport, o dedicarvi al giardinaggio, quello che fate è poco importante, potete anche semplicemente stare stesi e immobili in una stanza e godervi il silenzio. L’importante è ritrovare i propri spazi, riprendere a inseguire i propri desideri, per sentirsi di nuovo se stesse, per alleggerirsi dalle responsabilità che l’accudimento impone.

Come fare quando si è a casa

Come trovare del tempo a casa, magari quando non c’è nessuno che può darci una mano? Escludendo l’idea di chiudere i propri figli in una stanza, è possibile organizzare attività che li intrattengano abbastanza da non chiedere l’intervento dell’adulto. Attività sicure, attraenti, che li facciano sperimentare in libertà mentre noi ci ritagliamo qualche minuto di relax.

Giochi molto utili sono quelli che li fanno sperimentare materiali poco comuni. Appena sono in grado di stare seduti (intorno circa ai sei mesi) è possibile creare il cesto dei tesori. Una scatola ricoperta di stoffa in cui includere tanti oggetti curiosi ma sicuri: setacci, imbuti, bastoncini di legno, ciotoline di vetro, mestoli. I materiali devono essere facilmente lavabili e non devono avere piccole parti che potrebbero essere pericolose.

Se si ha un po’ più di spazio, magari sul balcone, è possibile invece acquistare una sabbiera (possibilmente coperta), anche nella sua versione a tavolino. Qualche gioco, palette, formine da riempire e il divertimento è assicurato. Un sempre verde è anche il pongo, o le paste modellabili che potete preparare anche voi, come quella al bicarbonato, bellissima da vedere e sicura anche per i più piccoli.

La sabbia è un gioco molto amato dai bambini
La sabbia è un gioco molto amato dai bambini

A volte anche una semplice bagnetto può intrattenere i bambini, sopratutto con qualche giochino galleggiante, piccoli contenitori o barchette. Ma fate attenzione, in questo caso meglio non allontanarsi dal bagno, potrete comunque dedicarvi a voi stesse facendovi una maschera, mettendovi lo smalto o dedicandovi alla lettura meno impegnativa come quella di un giornale.

In ogni caso, l’importante e trovare uno spiraglio per fare qualcosa solo per sé stesse, senza il senso di colpa di aver sottratto tempo ai propri figli. Perché una mamma felice è una mamma migliore.

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.