I problemi di allattamento spesso compaiono nelle prime settimane per poi sparire poi successivamente se ben gestiti. Ecco quindi qualche consiglio per riconoscerli e affrontare serenamente un momento così speciale come l’allattamento.

Problemi di allattamento: attacco del bambino e ragadi

Ve ne accorgete subito, quando il bambino si attacca male perché sentite dolore. Quando allattare fa male, anche in assenza di altri sintomi, potrebbe essere causato dal fatto che il piccolo non apre bene la bocca. Oppure, magari nella foga, il piccolo si posiziona male. Come fare quindi ad ovviare a questo problema ed allattare serenamente?

In caso di dolore staccare delicatamente il bambino inserendo l’indice della propria mano nell’angolo della bocca, poi riprovare ad attaccarlo. Aiutate il piccolo a raggiungere il capezzolo porgendo il seno con un movimento dall’alto verso il basso, aiutandolo a spalancare la bocca con la propria mano. Ripetete il procedimento ad ogni poppata, finché il piccolo non diventerà un pochino più grande e sarà quindi in grado di spalancare a dovere la bocca.

Problemi di allattamento
A volte il problema è l’attacco al seno

Un’altra tecnica può essere quella di cambiare posizione, utile anche per alleviare il dolore di eventuali ragadi formatesi per l’attacco errato. Utilizzando dei cuscini come sostegno oppure sdraiandosi sul letto provate a vedere se altre posizioni sono più confortevoli.

Se continuate ad avvertite dolore potrebbero però essersi formate anche delle ragadi, cioè dei piccoli taglietti sul capezzolo. In questo caso tenete pulito il seno, facendolo possibilmente asciugare all’aria per favorire la cicatrizzazione. Provate poi ad anticipare i bisogni del piccolo, se non troppo affamato ciuccerà con meno vigore.

Sulle ragadi non va messa nessuna crema o medicina e, nel caso vi fosse consigliato dal medico, ricordatevi di lavare molto bene il seno prima di proporlo al piccolo.

Un’alternativa per far guarire ragadi troppo profonde è quella di tirare il latte con un tiralatte, o spremerlo. Dando infatti qualche pasto al bambino con il biberon, riducendo così le poppate, permetterete di far riposare il seno facendolo guarire prima.

I problemi legati alla produzione del latte

Talvolta i problemi di allattamento potrebbero essere legati alla produzione del latte: ingorghi, mastiti e noduli dolorosi potrebbero compromettere un buon allattamento.

Andiamo con ordine: quando inizia la produzione del latte potrebbero formarsi degli ingorghi, infatti i dotti, non ancora abituati a far passare il latte, potrebbero ostruirsi facilmente. In questo caso noterete delle zone dolorose, dure e calde, ma potrebbero manifestarsi solo alcuni sintomi.

Quando al tatto avvertite come delle “vene” dure o dei piccoli pallini, è sempre utile fare un bagno caldo e massaggiare la zona dolorante a lungo finché non sentite che migliora e la zona dura si riduce.

Per aiutarvi potete anche spremere un po’ di latte o tirarlo mentre massaggiate il seno, per aiutare l’uscita dell’ingorgo. Se vi capita spesso è utile massaggiare il seno, ad ogni poppata, mentre il bambino ciuccia così da prevenirli.

Problemi di allattamento
Non sottovalutate stati febbrili e dolore diffuso al seno

Non trascurate gli ingorghi perché potrebbero trasformarsi in una vera e propria mastite. La mastite è un’infezione dovuta principalmente a causa di un ingorgo mammario, ma potrebbe insorgere anche a causa di ragadi infette o dilatazioni dei dotti galattofori.

I sintomi da non sottovalutare sono indurimento del seno e rossore diffuso, dolore al tatto, sensazione di malessere generale simile ad una forte influenza e febbre sopra ai 38°. In questo caso dovrete subito andare dal medico che vi prescriverà un antibiotico. Non è necessario interrompere l’allattamento, anzi sarà importante per guarire prima, eliminando l’ingorgo più facilmente. Cercate di riposare di più e applicate impacchi caldi (per favorire il flusso del latte) prima di attaccare il bambino e impacchi freddi, dopo, per togliere l’infiammazione.

 

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy PolicyCookie Policy

Family Zone © 2019. Tutti i diritti sono riservati. Powered by ENKEY