Succede che, di punto in bianco, il vostro bambino passa da dormire 3/4 ore filate a svegliarsi di continuo. Che voglia dormire solo in braccio, lo vediamo più agitato e non riusciamo a capire il perché. La maggior parte delle mamme penserà che il proprio bimbo abbia qualcosa che non vada. Non preoccupatevi molto probabilmente siete nel bel mezzo di una regressione del sonno. Vediamo insieme di cosa si tratta.

disturbi-del-sonno
La regressione del sonno è un disturbo che si modifica con i vari scatti di crescita.

Perché si hanno risvegli improvvisi durante il sonno?

Questi risvegli improvvisi sono un effetto dovuto alla cresita del nostro bambino.

Infatti, intorno ai 3/4 mesi il cervello del neonato è in costante crescita e viene stimolato da tutto ciò che lo circonda. Il ritmo del sonno del neonato inizia sempre di più a quello di un’adulto. A differenza dell’adulto però, tutte le volte che si allontanerà dalla fase di sonno profondo per passare alla fase di sonno leggero, ci saranno buone possibilità che lui si svegli e che chieda il tuoi aiuto nel riaddormentarsi.

C’è un periodo preciso in cui iniziano?

sonno-neonato
Ecco un neonato che dorme ma da subito possono manifestarsi i disturbi del sonno

No, purtroppo non c’è una data precisa però diversi studi hanno notato che spesso questi risvegli notturni nel sonno del neonato sono in concomitanza con i famosi scatti di crescita che più o meno si verificano:

  • Come già anticipato in precedenza Intorno ai 4 mesi , quando il ciclo del sonno del neonato inizia ad assomigliare al ciclo del sonno di un adulto. Il nostro bimbo inizierà a fare dei piccoli sonnellini intervallati da momenti di gioco;
  • Intorno ai 9 mesi, in questo fase il neonato inizia a gattonare, diventa più autonomo nel svolgere attività di gioco e iniziano a spuntare i famosi dentini;
  • Meno comune è intorno all’anno, ad alcuni bambini viene tolto il sonnellino mattutino o pomeridiano e questo crea in loro una sorta di disorientamento;
  • I 18 mesi sono una bomba di scoperte! Dentini, ansia da separazione, sviluppo del linguaggio, attività motorie…;
  • Non meno importanti sono i 2 anni (detti anche terrible two), si inizia lo spannollinamento, alcuni passano dal lettone al lettino, si elimina il ciuccio, ci potrebbe essere l’arrivo di un fratellino o di una sorellina

Quanto durano?

Non c’è un a durata precisa, in media durano da 1 a 4 settimane. Ovviamente questo lasso di tempo cambia da bambino a bambino e da come noi rispondiamo al bisogno “d’aiuto”. Per affrontare al meglio questi periodi essere informati è già un’ottima strategia, cercato di rimanere più tranquilli e sereni possibili in fin dei conti si tratta solo di un momento passeggero.

disturbo-del-sonno-co-sleeping
Co-sleeping: una soluzione per sopravvivere ai risvegli notturni.

Il co-sleeping (dormire insieme nel lettone) è un’ottima strategia per sopravvivere ai continui risvegli notturni. Per ridurre lo stress del tuo bambino potresti praticare il babywearing, in fascia e a contatto con il tuo petto il piccolo si rilasserà e molto probabilmente crollerà.

sonno-disturbo-babywearing
Dormire in fascia è un altro metodo per organizzarsi e tranquillizzare il bambino.

Una cosa è certa non durano in eterno.

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy PolicyCookie Policy

Family Zone © 2020. Tutti i diritti sono riservati. Powered by ENKEY