Spread the love

Ci siamo mamme: l’estate è agli sgoccioli. Questo vuol dire solamente una cosa: rientro a scuola! Quali sono le emozioni che accompagnano genitori e bambini in questo periodo? Felicità, tristezza, malinconia? Stress?

Indubbiamente il rientro a scuola può essere molto stressante, sia per il bambino che per la mamma. Ecco alcuni consigli per un sereno rientro a scuola senza stress.

Perché il rientro a scuola è stressante

Il mese di settembre è forse il più stressante dell’anno. L’estate è finita, le giornate si accorciano, il tempo si fa più cupo e uggioso. I grandi rientrano a lavoro e i piccoli tornano a scuola.

Rientro a scuola senza stress
Cosa preoccupa bambini e genitori per quanto riguarda il rientro a scuola?

Il rientro a scuola è fonte di forte stress per moltissimi bambini, adolescenti e genitori. Ma perché?

Il motivo principale è la paura dell’ignoto, del cambiamento, di riadattare l’intera famiglia a una nuova routine. Probabilmente i bambini erano abituati a svegliarsi più tardi, a giocare di più, a stare all’aria aperta. Inoltre, c’è la paura del cambiamento: nuovi insegnanti, nuovi compagni di classe, nuove materie e in alcuni casi nuova scuola.

Per i genitori, inoltre, ci sono: i libri da ordinare, il materiale scolastico da compare, l’iscrizione alla scuola, alla mensa, al servizio scuola bus, ecc.

A tutto questo dobbiamo aggiungere le paure e le ansie degli ultimi due anni: la paura del contagio, delle classi in quarantena, i dubbi sulle nuove normative anti-covid, le misure precauzionali da attivare.

Per i più piccoli c’è anche l’ansia del distacco dalla mamma o dal papà, con i quali magari hanno trascorso tutti i mesi estivi.

Insomma, le paure, le ansie e le preoccupazioni sono davvero tante e interessano tanto i genitori quanto i bambini. Ma come facciamo a vivere questo rientro a scuola nel modo più sereno possibile?

Rientro a scuola: nuova routine del sonno

Il primo punto da analizzare è la routine del sonno del bambino, ma in realtà anche di tutta la famiglia. Probabilmente, infatti, saremo abituati ad andare a dormire più tardi e a svegliarci, di conseguenza, più tardi, rispetto a quelle che devono essere le abitudini di un bambino che va a scuola.

Scuola
Tornare a scuola deve essere vissuta come un’esperienza positiva

Per fare in modo che il rientro a scuola sia il meno traumatico possibile, iniziamo già dai primi giorni di settembre ad anticipare un po’ alla volta la sveglia, così come l’orario della nanna. Durante il giorno iniziamo ad intrattenerli con attività un po’ più impegnative in modo che alla sera siano abbastanza stanchi da addormentarsi. Inoltre, concentriamo le attività mentalmente più complesse alla mattina. Ciò aiuterà il rientro a scuola, dato che le attività scolastiche sono proprio la mattina.

Parla con il bambino e coinvolgilo

Affrontare il rientro a scuola può essere anche divertente e un modo per fare qualcosa insieme. Coinvolgiamo il bambino in qualsiasi scelta riguardante il materiale scolastico. Approfittiamo delle giornate che iniziano ad essere un poco più uggiose per una gita al centro commerciale per scegliere lo zaino, il diario e tutto ciò di cui avrà bisogno.

Bambini
Tra poco si torna a scuola!

Ciò lo aiuterà sicuramente a vedere il rientro a scuola come un qualcosa di positivo.

Inoltre, in questo momento il dialogo con il bambino è fondamentale. Iniziamo a stimolare la sua mente immaginando quante cose nuove imparerà quest’anno, quanti amici nuovi conoscerà e quante bellissime esperienze potrà vivere nel corso dell’anno scolastico. Ma, oltre a questo, chiediamogli anche quali sono i suoi dubbi, le sue perplessità e le sue paure per il rientro a scuola e cerchiamo di risolverli insieme.


Spread the love

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy PolicyCookie Policy

Family Zone © 2022. Tutti i diritti sono riservati. Powered by ENKEY