Spread the love

Come ci si comporta quando si assiste ad un litigio tra bambini? Che sia un litigio tra fratelli o tra amici è corretto intervenire oppure è meglio lasciare che se la sbrighino da soli?

Litigio tra bambini: è normale?

Prima di tutto è bene comprendere che gli screzi sono parte integrante di qualunque rapporto sono fisiologici e, se non eccessivi, anche utili al rapporto. Per i bambini sono inoltre un’ottima palestra per imparare a gestire i conflitti e per imparare ad interagire con gli altri.

I litigi tra bambini possono nascere da qualsiasi situazione: durante un gioco, per il possesso di un oggetto, spesso partono dal nulla, senza che la situazione sia stata tesa in precedenza.

Qualche consiglio pratico

È utile partire dal presupposto che i vostri figli non stanno facendo niente di così strano da chiedervi dov’è che state sbagliando. Aiutarli però ad utilizzare il dialogo è molto importante.

Litigio tra bambini
I litigi possono essere imprevedibili

Sia per esprimere le proprie ragione sia per trovare una soluzione soddisfacente per entrambe le parti. Se i litigi sono frequenti potete vedere la situazione come il modo per far imparare più in fretta ai vostri figli come gestirli.

Evitate di confrontare tra di loro i bambini, sopratutto se lo utilizzate come metro di giudizio universale. Perché il rischio di etichettare i bambini è molto alto e loro potrebbero pensare di non essere all’altezza per voi.

Non cercate per forza un colpevole, spesso in un litigio ci sono più parti in torto. Mettete piuttosto in luce proprio il fatto che la colpa può essere stata di entrambi, sottolineando che c’è sempre tempo per mediare e trovare un accordo.

I genitori devono intervenire in un litigio tra bambini?

Bisogna fare attenzione a non schierarsi a prescindere sul figlio considerato il più debole, sia esso il più piccolo o il più grande. Durante i litigi tra bambini è importante anche non farsi coinvolgere, sopratutto per colpa della stanchezza, alzando la voce o intervenendo bruscamente.

Il modo migliore per risolvere un conflitto è sicuramente quello di procedere con una negoziazione. Il genitore può quindi intervenire, ma solo allo scopo di aiutare il processo di pacificazione fisiologico trai bambini.

A volte intervenendo in un litigio tra bambini si rischia di ingigantirlo, quando magari tra di loro si sarebbe risolta in fretta. Inoltre cercare sempre di decidere e giudicare al posto loro, prima che l’evento accada, toglierà l’opportunità di “esercitarsi” in questo frangente.

Litigio tra bambini
I bambini devono imparare a gestire i conflitti

Se però il litigio rischia di degenerare allora è bene intromettersi anche se non siete stati chiamati in causa. Sempre senza sentenziare sull’accaduto, spingete i bambini a ritrovare la calma e poi successivamente ad confrontarsi. A volte il litigio tra bambini è solo frutto di un momento di stanchezza o di noia e una volta ritrovata la calma nessuno ricorderà più perché è iniziato tutto.

Se a chiedere l’intervento sono loro?

Se invece venite spesso interpellati per riportare la pace tra i fratelli, allora potrebbe essere un modo per ricercare attenzione. Anche in questo caso la scelta migliore è non intervenire, ma invitare i due litiganti a trovare una soluzione tra di loro, complimentandovi con loro in caso di buona riuscita.

Insegnate a mediare i diverbi, sottolineando l‘importanza della comunicazione e come si possa imparare a comprendere il punto di vista altrui. Spesso basta scoprire che quel gioco piace proprio tanto anche al fratellino, per essere più indulgenti nei suoi confronti. Smettendo di dare per scontato che il gesto fatto era solo per cattiveria. Mettersi nei panni degli altri è un esercizio utile anche al di fuori dei conflitti, aiuta a sviluppare il buon senso e la capacità di valutazione delle situazioni.


Spread the love

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy PolicyCookie Policy

Family Zone © 2022. Tutti i diritti sono riservati. Powered by ENKEY