La comunicazione non violenta, ideata dallo psicologo statunitense Marshall B. Rosenberg, è molto più di un modello di comunicazione. È una riscoperta dell’essere umano e della sua inclinazione alla socialità e all’empatia. Si fonda su abilità di linguaggio che ci aiutano a coltivare il nostro bisogno di relazioni interpersonali positive, sincere e collaborative. Perché non cogliere, dunque, l’opportunità di applicare la comunicazione non violenta anche in famiglia e con i nostri bambini?

Comunicazione non violenta: linguaggio Sciacallo e linguaggio Giraffa

Rosenberg distingue due modi di esprimersi, diametralmente opposti tra loro: il Linguaggio Sciacallo e il Linguaggio Giraffa, chiamato così perché la giraffa è l’animale terrestre con il cuore più grande. Proprio questo linguaggio è quello che ci permette di considerare e soddisfare al meglio i sentimenti e i bisogni, nostri e delle persone con cui ci interfacciamo.

comunicazione non violenta-Rosenberg
Lo psicologo statunitense Marshall B. Rosenberg

Il linguaggio Giraffa si costruisce attraverso 4 passaggi:

  • Fare OSSERVAZIONI chiare e obiettive di ciò che ci piace e di ciò che invece non viene incontro alle nostre esigenze, senza dare giudizi o valutazioni
  • Esprimere i nostri SENTIMENTI riguardo ai fatti che osserviamo
  • Individuare i BISOGNI sottesi a questi sentimenti
  • Formulare RICHIESTE operative e fattibili, in modo che l’altro possa sapere come concretamente venirci incontro.

Un caso pratico

Invece di dire, per esempio: “Smettila di rovesciare tutti i cereali, sei proprio un pasticcione”, si potrebbe provare a dire: “Quando rovesci tutti i cereali sul tavolo mi sento irritata, perché avrei bisogno di ordine in casa. Potresti prendere i cereali che vuoi mangiare e metterli nella tazza?”.

Crescere Giraffe dal cuore grande

comunicazione non violenta-genitori-figli
Questo linguaggio è quello che ci permette di considerare e soddisfare al meglio i sentimenti e i bisogni

Tutto ciò può sembrare un esercizio dialettico meccanico e inverosimile, ma ci consente di impostare la relazione educativa con i nostri figli in un modo nuovo. Permette infatti di accompagnarli con autorevolezza, invece che con autorità. Aiuta a considerarli sempre per ciò che sono, persone con una loro integrità, un loro sentire. Portatori di una libertà che non ci è concesso ledere nemmeno con le migliori intenzioni, quando ci confrontiamo con il delicatissimo compito di educare, di affiancare nella crescita.

I rischi di essere Sciacalli

Il linguaggio Sciacallo al contrario è il linguaggio delle manipolazioni. Lo mettiamo in atto, spesso inconsciamente, quando cerchiamo di plasmare i bambini a nostro piacimento perché rispondano alle nostre aspettative. È allora che cadiamo nei ricatti emotivi – come avviene quando ci serviamo di premi e punizioni – che privano il bambino della capacità di dare e ricevere con gioia. Il bambino infatti si conformerà alla nostra richiesta per sentirsi bravo e per meritarsi il nostro affetto.

Amati di un amore incondizionato

Rosenberg racconta che i suoi figli, alla domanda “Perché papà ti vuole bene?”, rispondevano citando i comportamenti concreti da loro tenuti, in forza dei quali ritenevano di meritare l’amore dei genitori. Che grande dono invece crescere nella certezza di essere amati per quello che si è. E che bello sarebbe ascoltare la mamma e il papà, anche nelle discussioni banali di ogni giorno, non tanto per sentirsi dire “bravo” ma per il gusto, che si sperimenta fin da piccoli, di venirsi incontro. Di costruire una relazione bella. Di custodirsi gli uni gli altri nel cammino della vita.

comunicazione non violenta-linguaggio-sciacallo
Crescere nella certezza di essere amati per quello che si è.

Utopia? Forse! Di certo la comunicazione non violenta rappresenta una chance per lavorare in questa direzione, per disinnescare le situazioni di conflitto, per tentare un approccio diverso. E si sa, il mondo si cambia un bambino alla volta.

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy PolicyCookie Policy

Family Zone © 2019. Tutti i diritti sono riservati. Powered by ENKEY